Viaggi low cost o style and luxury,                 mostre-arte, ecologia, libri, salute: terme..., figli: favole, viaggi con i figli o nipoti...

ed ora anche un romanzo-giallo a puntate vedi "IL MISTERO DELLA STANZA..."    

                      www.donnemammenonnedonne.it

 

                                                                               

Home
perché sole?

IL DONNA-PENSIERO

L'attuale crisi globale che stiamo attraversando è indubbiamente stata causata, in larga parte, alla deregolamentazione finanziaria.

Quindi bando alle ciance e non dimentichiamo i nomi di chi ha deliberato la deregolamentazione; a loro dobbiamo l'attuale crisi.

Una distribuzione del reddito assai disuguale, la perdita di capacità di acquisto delle classi medie e basse, l'acquisto compulsivo di beni considerati, dai più spinti dalla pubblicità, quasi indispensabili per una normale vita sociale, ha portato ad un indebitamento insostenibile.

L'Italia, sino ad ora, si è in parte salvata solo grazie ai cospicui risparmi familiari depositati nelle banche che, comunque, si stanno sempre più assottigliando a causa della diminuzione della capacità di acquisto dei salari e della grande precarietà diffusa tra i giovani, e non solo.

Indubbiamente si sta smantellando tutta quella rete di sicurezze economiche che hanno fatto dell'Europa un, forse, inimitabile esempio storico di benessere quasi generale.

Le prime vistose avvisaglie si sono avute, per l'Italia, quando in brevissimo tempo i prezzi dalla Lira all'Euro sono di fatto raddoppiati. Riducendo, in pochi mesi, della metà stipendi e pensioni.

Quanto detto sopra è facilmente dimostrabile da qualunque brava massaia che non può avere dimenticato come, all'improvviso il costo della frutta più economica (e così, in parte più lentamente, anche il resto della spesa),  sia passato da 1.000 lire al chilo ad 1 euro; ovvero 2.000 lire. Alla faccia di tutti quei personaggi che sostenevano, e sostengono, l'inutilità di continuare a ragionare in Lire.

 

Poco si studia sulle vere origini della cultura europea; ovvero ai tempi dell'uomo preistorico.                 Venere di Wilendorf

Forse perché l'Europa fu dominata da una importante e pacifica cultura MATRIARCALE!

Le donne erano considerate e valorizzate – regine, sacerdotesse, artigiane,  anziane del clan e la società aveva un  carattere egualitario.

Lo dimostrano i numerosi reperti di raffinato artigianato, monili compresi, che raffigurano la dea-madre.

Poi dall'oriente arrivarono UOMINI ARMATI A CAVALLO e la civiltà della Dea Madre venne sconfitta a vantaggio di una cultura patriarcale e guerrafondaia.

Queste teorie sono sostenute e dimostrate nel testo "IL LINGUAGGIO DELLA DEA" e negli altri  libri di Marija Gimbutas.

Grande studiosa e teorica della CULTURA DELLA GRANDE MADRE, Marija Gimbutas 1921-1984, è stata un'archeologa e lingusita lituana. Studiò le culture del neolitico e del bronzo nell'antica Europa. I suoi lavori furono pubblicati tra il 1946 e il 1971 ed introdussero nuovi punti di vista nell'ambito della linguistica e riguardo l'interpretazione della mitologia.

La Gimbutas scoprì, nelle rappresentazioni femminili che rinvennedel Paleolitico e del Neolitico, l'espressione di una unica Grande Divinità universale e  come manifestazione di una varietà di dività femminili rappresentanti una società matriarcale (teoria molto contestata da archeologi di sesso maschile).

 Nel settembre/ottobre 2008 si è tenuta a Roma una mostra sulla cultura diCucuteni-Trypillia che conferma l'ipotesi di Marija Gimbutas sul carattere pacifico, sulla struttura sociale egalitaria e sull'importanza del ruolo femminile di questa cultura dell'EUROPA ANTICA.

Il catalogo della mostra, "Cucuteni-Trypillia: una grande civiltà dell'Antica Europa", Palazzo della Cancelleria, Roma-Vaticano, 16 settembre-31 ottobre 2008, è stato curato dal Ministero della cultura e degli affari religiosi di Romania nonché dal Ministero della cultura e del turismo di Ucraina, e sostiene quanto segue:

pag.40: Non vi erano differenze tra le varie tipologie abitative. Dunque non è possibile stabilire quali case appartenessero a persone ricche e quali a persone povere. Le variazioni nelle dimensioni delle abitazioni potrebbero essere attribuite al numero dei membri della famiglia che vi risiedeva, o dipendere dalle tecniche di costruzione delle case.

 -Pertanto non è possibile parlare di ineguaglianza sociale (come nelle società in cui vigeva la schiavitù), ma solo l'esistenza di una naturale gerarchia all'interno di ciascuna comunità.

-Come non si può sostenere che esistesse una categoria di guerrieri, in quanto la maggior parte degli abitanti era dedito all'agricoltura. Gradualmente iniziarono ad emergere gli artigiani (ceramisti, addetti alla lavorazione dei metalli, intagliatori del legno e della pietra, costruttori), così come dei personaggi con un ruolo specifico nel campo della religione. L'abbondanza di statuine antropomorfe femminili e la parallela scarsità di sculture a soggetto maschile sembra suggerire l'importanza del ruolo delle donne all'interno di queste comunità.

-pag.70: La civiltà Cucuteni-Trypillia non era una società schiavista, come Sumer e L'Egitto, ma il risultato di relazioni comunitarie. Era compatibile con i moderni ideali di democrazia e autogoverno.

-pag.15: All'interno di una Antica Europa (termine felicemente coniato dalla grande scienziata americana, di origine lituana, Marija Gimbutas), che era ancora alla ricerca della sua identità di espressione, al di là dei Carpazi nasce una civiltà di innegabile originalità.

 

NEL '700 UN GRUPPO DI UOMINI ILLUMINATI, SFIDANDO IL SENTIRE COMUNE, OVVERO LA CHIESA IL RE E LA MORALE CORRENTE, DIEDERO VITA AD UN NUOVO MODELLO DI VITA IN UN MOMENTO DI CRISI PER L'EUROPA, PROPRIO COME OGGI.

PECCATO CHE OGGI NON SI RIESCA A VEDERE NEMMENO UN UOMO/DONNA TANTO "ILLUMINATO  E CORAGGIOSO" da poter  REALIZZARE UN VERO GRANDE CAMBIAMENTO COME QUELLO DELL'ILLUMINISMO.

A tale proposito ricordiamo: Denis Diderot, Voltaire, Jean-Jaques Rousseau...e tutti gli aristocratici che, rischiando la vita, contestarono l'autorità religiosa e politica, i dogmi, i pregiudizi e la superstizione, lottando contro l'ignoranza, la laicità e la libertà di opinione.

Le idee di questi uomini coinvolsero tutti i campi e si espressero con ogni mezzo: musica, romanzo,teatro, enciclopedia; lo scopo era convincere gli esseri umani del diritto alla felicità terrena.

Voltaire poté affermare: "Le streghe hanno cessato di esistere da quando noi abbiamo cessato di bruciarle".

Oggi siamo smarriti, come lo erano gli uomini/donne del '700, non sappiamo più cosa sia bello, cosa sia  giusto, cosa sia scienze e cosa sia fede...

Peccato, dice qualcuno, non completamente a torto, che la libertà abbia portato anche allo scatenarsi dei peggiori istinti dell'uomo che ha dimostrato, nella maggior parte dei casi, come, in mancanza della paura dell'inferno o delle peggiori pene corporali, non sappia controllare i suoi più bassi istinti.

-Infatti è più facile lasciare prevalere il lato istintuale, la parte più grande del cervello, rispetto alla notevolmente più piccola (proprio fisicamente) parte razionale; la quale richiede più fatica per essere attivata.

-Si potrebbe concludere che alla base delle difficoltà umane verso una pacifica convivenza sta la pigrizia, ovvero il rifiuto della fatica richiesta per attivare il lato razionale del cervello.

 

                                    DONNE FAMOSE:

-"Le donne quando raggiungono un'età che permette loro di smetterla di occuparsi di essere donne, e liberano le proprie forze, devono essere le creature più potenti del mondo" così scriveva Karen Blixen nel racconto "La scimmia".


-La studiosa inglese Rosemary Dinnage ha dedicato recentemente un saggio biografico-letterario al potere della donna inteso come intrigante miscuglio di immaginazione, coraggio e perseveranza.

-Il volume "Alone!Alone!Lives of some outsider women" (Sola!Sola!Vite di donne fuori dagli schemi, New Yok Reveiw of Books, € 24,95) mette in risalto la storia di donne che sono state autonome creatrici della propria fortuna o, sfortuna.

-"Non è divertente essere una persona fuori dagli schemi, perchè ti  rende estremamente sola" così osserva la musa di Bloomsbury Lady Ottoline Morrell ribaltando le consuete prospettive e indagando su quel misterioso quid femminile che ha permesso  ad alcune donne di trasformare la propria debolezza in forza.

-Forse la più famosa tra queste è  la sopracitata Karen Blixen che nel 1931, perduto l'amante, il marito, la casa, il denaro e la salute(il marito le aveva trasmesso la sifilide), camminando oltre i confini della propria tenuta africana andò alla ricerca di un segno che spiegasse questa serie sfortunata di eventi. Quando vide un un gallo strappare la lingua ad un camaleonte, la Blixen scrisse di aver sentito "I Grandi Poteri" che dalle montagne circostanti se la ridevano di lei.

-Quando poco dopo a quarantanove anni, la Blixen, scrisse il suo primo libro "Sette storie gotiche", lo firmò con lo pseudonimo Isakn (Isak Dinesen) che in ebraico significa risata. Il successo immediato le permise di inventarsi una nuova personalità, trasformandosi da romantica perdente in sofisticata dama, grande scrittrice e donna di mondo.
In "Sola!Sola!...", si parla anche di Rebecca West, morta Dama Comandante dell'Impero Britannico nel 1983, donna "declassata socialmente"

Il padre di Rebecca West  abbandonò la famiglia quando lei era ragazza, più tardi nella vita lei ebbe un figlio illegittimo dallo scrittore H.G.Wells e questo fu motivo di grande scandalo!

- Churchill che ebbe figli variamente drogati, depressi, alcolizzati e suicidi. Nonostante queste premesse riuscì a scrivere undici romanzi e nove libri tra viaggi e critica letteraria e politica.
Fu certamente una scrittrice molto influente, ma non una buona madre (disse al figlio:"Non ti mando in collegio a due anni, ma a tre"), cosa che la mette in ottima compagnia con Lady Clementine.

-La scrittrice Margaret Oliphant, fenomeno letterario dell'Ottocento,  fu madre generosa ma infelice, scrisse per mantenere tre figli suoi e tre adottivi, ma solo due le sopravvissero.
 

COSA SCRIVONO ALCUNE DONNE:

I GHOT FLOWERS TODAY

I got flowers today/ It wasn't my borthday or my other special day/ We had our first argument last nught,/ And he said a lot of cruel things that really hurt me./ I kinow he is sorryand didn't mean the things he said./ Because he sent me flowers today.

I got flowers today/ It wasn't our anniversary or any other special day./ Last night, he threw me into a wall and started to choke me./It seemedlike a nightmare./ I couldn't belive it was real./ I woke up this morning sore and brunised all over./ I know he must be sorry./ Because he send me flowers today.

 

PROTEZIONE PERSONALE:

via Garibaldi 57, strada statale- PARATICO (bs) TEL 035.917 817 WWW.SECRET1.COM ; Uscita autostrada A4-Palazzolo Sull'Oglio

- l'unico negozio in Italia, del quale ci è pervenuta info, che vende i più sofisticati rivelatori di sostanze stupefacenti, sistemi di localizzazione, controllo accessi con impronte digitali, visori notturni, microregistratori, microspie audio-video, impianti di videosorveglianza, controlli occultati audio e video, apparecchi per la protezione personale ecc..

.